La continuità educativa

Rubrica a cura di Martina Bruzzone

COSA INTENDIAMO PER CONTINUITA’ EDUCATIVA?

Quando parliamo di continuità educativa intendiamo un percorso formativo strategico che ha come obiettivo lo sviluppo armonico del bambino attraverso una comunicazione pedagogica tra le varie tappe evolutive, messa in atto con progetti pensati per ogni ciclo scolastico.

Lo scopo del progetto di continuità è quello di realizzare un vero e proprio PONTE tra esperienze condivise e continuità educativa che accompagni il bambino nel passaggio da un ordine di scuola all’altro.

La Legge 107 del 2015, ha istituito nel nostro Paese il Sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino a sei anni.

Questo propone una visione unitaria per il percorso educativo in passato diviso in due segmenti, lo 0-3 (servizi per l’infanzia) e il 3-6 (scuola dell’infanzia), la quarta parte si rifà all’idea di un curricolo unitario che favorisca la costruzione della continuità 0-6 e la comunicazione con i genitori.

Dopo la pandemia il sistema educativo 0-6 necessita assolutamente di interventi strategici con un coordinamento pedagogico e attraverso il curricolo verticale deve poter sviluppare al massimo i percorsi conoscitivi in relazione alle potenzialità e ai modi di apprendere per ogni fascia di età.

DI COSA C’E’ NECESSITA’?

C’è bisogno di uno scambio continuo tra i vari ordini di scuola di riferimenti teorici, coerenza del progetto educativo e scelte condivise.

La scuola dell’infanzia può assumere una funzione di cerniera, favorendo il dialogo e il collegamento tra lo zero-sei e il primo ciclo.

Il passaggio dal nido d’infanzia alla scuola per l’infanzia rappresenta, per i bambini, un momento
molto delicato attorno al quale si concentrano fantasie, interrogativi e timori.

Per loro dover  affrontare questo cambiamento significa uscire dalle sicurezze affettive costruite al nido.

Dover superare nuovi sistemi relazionali, nuove regole e responsabilità inoltre un ambiente sconosciuto è vissuto spesso con un sentimento misto di curiosità e ansia.

L’importanza della continuità educativa è proprio quella di aiutare il bambino ad affrontare questi sentimenti di confusione e a rassicurarlo circa i cambiamenti che lo aspettano.

Per fare questo bisogna promuovere in modo positivo il passaggio futuro, anche attraverso progetti, incontri condivisi tra nido e scuola dell’infanzia svolti durante l’anno.

Proprio per questo motivo il progetto continuità costituisce il filo conduttore che unisce i diversi ordini di scuola e collega il graduale progredire e svilupparsi del bambino al fine di rendere più consapevole, fluido e sereno il suo percorso didattico-educativo.

1 Comment

  • דירות דיסקרטיות בדרום Posted Aprile 21, 2023 4:25 am

    I needed to thank you for this wonderful read!! I absolutely loved every bit of it. I have you saved as a favorite to check out new things you postÖ

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *